Domanda per l'ottenimento del certificato di abilitazione alla caccia nel Cantone Ticino

Presupposti per l’iscrizione agli esami

Può richiedere l’iscrizione chi: ha compiuto 16 anni; è cittadino svizzero oppure straniero domiciliato o dimorante (permesso B) in Svizzera; se privato del diritto di cacciare, al momento della scadenza del termine d’iscrizione deve ancora scontare un massimo di 2 anni. La domanda d’iscrizione va inoltrata per lettera raccomandata entro il 31 dicembre di ogni anno tramite un formulario ufficiale da richiedere all’Ufficio della caccia e della pesca, allegando: una fotografia formato passaporto recente e copia della ricevuta di versamento del premio attestante la copertura assicurativa per la responsabilità civile (somma minima di Fr. 2,0 mio.). Il richiedente riceverà la tessera d’iscrizione contro rimborso (tassa di Fr. 550.– tutto compreso, ossia il materiale didattico, le serate e le due giornate di istruzione obbligatorie organizzate dalla FCTI).

Regolamento per l’ottenimento del certificato d’abilitazione alla caccia

 

Ammissione agli esami

È ammesso agli esami chi ha compiuto 18 anni entro il 31 dicembre, è in possesso della tessera d’iscrizione vidimata, che attesta la partecipazione alle giornate di formazione obbligatorie, se privato del diritto di cacciare, la privazione scade entro il 31 dicembre dell’anno in cui viene inoltrata la richiesta. L’iscrizione di partecipazione agli esami avviene tramite invio per lettera raccomandata all’Ufficio della caccia e della pesca della tessera d’iscrizione debitamente vidimata, entro il 30 aprile di ogni anno (dell’anno degli esami).

Programma di formazione

Ogni candidato deve obbligatoriamente completare il numero di giornate previste sulla tessera d'iscrizione, che sono suddivise in:

  1.  Formazione teorica (0.5 gg) - Centro di formazione PCI, Rivera **

  2. Formazione teorica  sulle malattie della selvaggina, sull'eviscerazione e sull'igiene delle carni a Rivera (1 gg) - Centro di formazione PCI, Rivera **

  3. Presenza al posto di controllo durante la caccia alta (0.5 gg)

  4. Giornate di osservazione della selvaggina (2 gg)

  5. Giornate di lavoro pratico (2 gg)

  6. Formazione pratica in materia di armi e tiro (1 gg)* - Stand di tiro, Olivone 

*   Solo per i candidati che hanno superato l'esame scritto
** Obbligo di frequenza durante il primo anno di formazione

Preparazione agli esami di caccia

Agli aspiranti cacciatori che si presenteranno agli esami, si raccomanda vivamente la frequenza del corso preparatorio organizzato dalla FCTI che inizia ad inizio gennaio. Ogni candidato ha ricevuto un invito personale con le modalità d’iscrizione.

 

 

 

 

 

 


Per ulteriori informazioni

Quadrelli Eros
Via San Gottardo 28

6963 Pregassona
+41 78 403 50 68
eros.quadrelli@gmail.com

Copertina cand cacciatori 2021.JPG

Lunedì 21 giugno con la prova di tiro presso il poligono del Monte Ceneri si è conclusa la sessione 2021 degli esami di abilitazione alla caccia per il Cantone Ticino. Sono ben 83 i nuovi cacciatori, tra cui otto esponenti del gentil sesso, che hanno ottenuto l’attestato di abilitazione. L’elevato numero di candidati è sostanzialmente dovuto alla necessità di annullare la sessione d’esami del 2020 per motivi legati all’emergenza sanitaria.

 

Il Presidente della Commissione esami Davide Corti ed il Vicepresidente della FCTI Marco Viglezio si sono complimentati con i novelli cacciatori elogiandone l’impegno profuso in un momento non certo agevole, sottolineando l’eccellente risultato raggiunto pur considerata l’introduzione di un nuovo modulo d’esame teorico sulle armi, la sicurezza ed il loro utilizzo pratico. I ringraziamenti di rito non potevano che venir indirizzati all’UCP, al segretariato della Commissione esaminatrice ed ai formatori FCTI che si sono prodigati
per permettere l’accesso ai candidati 2020 e 2021 ad un'unica sessione d’esame, garantendo comunque una formazione completa proponendo dei corsi online con l’allestimento di un’apposita piattaforma digitale.

 

Il responsabile dell’area formazione della FCTI Davide Corti ha concluso la cerimonia di consegna dei certificati premiando il neo-cacciatore Luca Veglio che, per il miglior esame conseguito, si è aggiudicato una patente di caccia bassa messa a disposizione dalla Federazione. A sottolineare l’importanza della comunicazione e della necessità che il cacciatore moderno interagisca in modo costruttivo con gli altri fruitori del territorio è stato distribuito il volantino “Necessità di comunicare, buoni argomenti a favore della caccia”, unitamente ad un rapporto allestito da Diana Romande in collaborazione con L’Associazione Svizzera del Beccacciai a sostegno della caccia alla selvaggina minuta in Svizzera. Ai presenti è stata spiegata l’importanza che anche chi non pratica direttamente la caccia bassa si deve impegnare a difenderla secondo l’adagio che chi ama la caccia la deve saper spiegare e chi non la ama deve essere portato a rispettarla.

 

L’augurio finale è stato quello di vivere una prima vigilia di caccia con quelle positive tensioni che resteranno a lungo un piacevole ricordo e che la caccia sia prima di tutto fonte di emozioni.

PER VEDERE TUTTE LE FOTO CLICCA QUI