Cerca

Notiziario della Federazione II/ 2020




Riunione del Comitato centrale del 26.02.2020 di Patrick Dal Mas


Per l’Ufficio Presidenziale, in entrata di seduta, il Presidente saluta i membri di Comitato e informa i presenti che la strategia per la campagna a favore della revisione della legge federale della caccia è stata definita da CacciaSvizzera e partners e verrà modulata in base alla disponibilità finanziaria, che dipende in gran parte dall’esito della raccolta fondi presso i cacciatori svizzeri. La campagna informativa si baserà soprattutto sulla cartellonistica e attraverso i social media. Il Comitato della FCTI decide di stanziare Fr. 10'000.- a favore della suddetta campagna. Nel frattempo il Pool Caccia, Pesca e Tiro ha deciso di stampare e diffondere attraverso i propri canali di comunicazione un flyer a sostegno della suddetta campagna in Ticino. Il Presidente informa poi che l’Assemblea Delegati 2020, che corrisponde al 25esimo anniversario della FCTI, è in fase d’ultimazione. Si definiscono poi le partecipazioni dei membri di comitato alle prossime assemblee sociali e i temi da spiegare in seno ad esse. Il Presidente comunica poi che la Società Agricola Valmaggese ha inoltrato alla FCTI la lettera di risposta dell’UCP a una loro lettera in cui lamentava gli eccessivi danni a terreni agricoli nel suo comprensorio causati da cinghiali, chiedendo una collaborazione della FCTI per una maggiore pressione venatoria su cinghiali e cervi.


Per l’Area Comunicazione il responsabile informa che si sta lavorando per una revisione grafica del sito della FCTI, che sta conoscendo negli ultimi mesi un aumento costante delle visualizzazioni. In questo senso il responsabile suggerisce, come tema che merita un approfondimento, la possibilità di aggiungere dei banner pubblicitari a pagamento nel sito stesso.


Per l’Area Segretariato e Finanze il responsabile informa che il consuntivo 2019 è in fase d’ultimazione, e che il tema del finanziamento della FCTI dovrà essere affrontato a breve, vista soprattutto la continua erosione di soci affiliati, in calo soprattutto per motivi anagrafici. Si discute e si definisce poi l’ordine del giorno dell’Assemblea Delegati 2020.


Per l’Area della Gestione Venatoria il responsabile informa i presenti che, dopo un incontro ad hoc sulla tematica con l’UCP, sembrano esserci pochi spiragli per una ridefinizione dell’obbligo e della modalità di controllo della selvaggina durante la caccia agli ungulati, alla luce della nuova ordinanza sulle derrate alimentari, che impongono, tra le varie cose, al cacciatore di mettere il prima possibile al fresco il capo prelevato e di non interrompere la catena del freddo per non inficiare la qualità della carne. Il tema verrà ripreso dalla FCTI in seno alla commissione consultiva.


Per l’Area Tiro il responsabile informa che proseguono i lavori, in collaborazione con l’Area Formazione e Esami, per la definizione di nuove proposte di misure di sicurezza nell’ambito venatorio. Le proposte saranno condivise e discusse con l’UCP, che presenterà le proprie. Il Comitato viene poi informato che il prossimo 9 marzo anche i guardacaccia si sottoporranno presso lo stand del Ceneri alla Prova Periodica di tiro.


Per l’Area Territorio e habitat il responsabile informa che il 17 febbraio scorso la commissione cantonale preposta ha preavvisato positivamente tutte le proposte di intervento habitat 2020 inoltrate dalle società venatorie. A breve verrà ancora organizzato un incontro con i responsabili delle società in questione per ottimizzare l’organizzazione dei lavori previsti. Per dare maggiore visibilità a questi importanti lavori di recupero habitat effettuati dai cacciatori agli occhi dell’opinione pubblica, il responsabile informa che sono stati ordinati 50 cartelli informativi, che saranno pronti per metà marzo, da esporre nei pressi delle zone interessate dall’intervento. Inoltre, sulla rivista “Terra Ticinese”, verranno prossimamente pubblicati degli articoli informativi su interventi habitat specifici (quello della Società Cacciatori del Mendrisiotto ad esempio) e in generale.


Per l’Area Formazione e Esami il responsabile informa sono iniziati i corsi 2020 a favore degli aspiranti cacciatori e che la percentuale dei partecipanti iscritti corrisponde in grandi linee a quella degli scorsi anni. Dagli esami, quest’anno verosimilmente verranno tolti ulteriori uccelli da conoscere perché verranno aggiunte nuove tematiche, come quelle inerenti la sicurezza a caccia ad esempio.


Per l’Area Giuridica il Comitato decide che bisogna affrontare con urgenza l’annoso tema delle recinzioni abusive che ogni anno causano perdite importanti tra i selvatici (e non), affinché la questione venga affrontata finalmente dal mondo politico, come sta capitando ad esempio nel Canton S. Gallo, grazie all’azione dei cacciatori.

0 visualizzazioni