Cerca

Notiziario della Federazione VIII/ 2020



Riunione del Comitato centrale del 19.10.2020 di Patrick Dal Mas


Per l’Ufficio Presidenziale, in entrata della riunione di comitato, il Presidente saluta i membri, informando i presenti sui seguenti temi:


  • la caccia alta si è appena conclusa con un record totale di catture, ottenuto grazie ad un elevato numero di catture di cervi e cinghiali. Da sottolineare il fatto che fortunatamente non si è segnalato nessun incidente.


  • il risultato scaturito dalle urne della recente votazione sulla nuova Legge sulla Caccia lascia l’amaro in bocca, non solo per l’esito risicato, ma soprattutto per la modalità con cui i referendisti l’hanno ottenuta. Vediamo quali saranno le intenzioni future a riguardo della revisione di una legge che ha ormai più di 30 anni.


  • dei delegati del Comitato della FCTI sono stati sentiti dalla Commissione Ambiente e Territorio de GC in merito all’iniziativa sulla chiusura della caccia alla pernice bianca. Alla Commissione è stata presentata la cronistoria dei fatti che hanno portato all’iniziativa, sottolineando in modo particolare l’atteggiamento prevaricatore del Capo del Dipartimento, il quale, senza consultazione, aveva imposto una moratoria sulla caccia alla suddetta specie, che aveva portato poi alla decisone di inoltro da parte della FCTI di un ricorso al TF. Ricordato anche l’atteggiamento disonesto degli iniziativisti, i quali hanno raccolto le firme necessarie utilizzando cifre fasulle sulla popolazione effettiva del tetraonide. La FCTI, ha proposto alla Commissione, al posto di una chiusura totale della caccia alla pernice bianca, una moratoria di alcuni anni che permetta di monitorare concretamente gli effettivi, prima di prendere una decisione definitiva in merito. Vedremo se questa proposta verrà presa in considerazione.


  • recentemente è stato nominato il nuovo capo Ufficio Caccia e Pesca nella persona di Tiziano Putelli., al quale vanno gli auguri di un buon lavoro nella nuova funzione.


  • il Comitato FCTI decide che prossimamente si incontrerà in una seduta straordinaria per definire le tematiche principali su cui si vuole lavorare a medio-lungo termine. Per l’Area Comunicazione il responsabile informa che prosegue la ricerca di privati interessati all’acquisto di uno dei tre banner pubblicitari disponibili sul sito della FCTI e la rispettiva Newsletter. Al momento ne è stato riservato uno. Aumentano inoltre in modo costante i followers sul profilo Instagram della FCTI (ca. 700) e le visualizzazioni sul sito federativo (ca. 1000 al mese). Aggiornate sul sito le informazioni riguardanti il programma della formazione e degli esami a favore dei candidati cacciatori.

Per l’Area Segretariato e Finanze il responsabile informa che la chiusura dei conti 2020 e del budget 2021 sono in fase d’elaborazione.

Per l’Area della Gestione Venatoria il responsabile analizza i dati delle catture della caccia alta 2020, sottolineando il fatto che la pausa venatoria introdotta per la prima volta quest’anno ha avuto successo, in quanto le catture di cervi e cinghiali negli ultimi 5 giorni sono state numerose. Positiva anche l’esperienza di contingentamento dei camosci nella zona del Gambarogno. Il piano d’abbattimento per la caccia tardo-autunnale al cervo è stato recentemente pubblicato.

Per l’Area Formazione ed Esami il responsabile informa che il 6 ottobre scorso ha avuto luogo un incontro della Commissione Esami per pianificare gli esami previsti quest’anno, visto che dovranno essere esaminati, oltre agli iscritti del 2021, anche tutti i candidati del 2020 che non hanno potuto svolgerli lo scorso anno a causa della situazione sanitaria. Alcune modifiche sono state decise in questo senso ed il programma definitivo è stato pubblicato sul sito federativo. Sono previste in futuro, da introdurre gradualmente, anche alcune modifiche riguardanti gli esami di tiro e gli esami orali sulle armi.

Per l’Area Giuridica il responsabile informa che preparerà una lettera di risposta in merito al nuovo statuto della distrettuale di Bellinzona. Entro la fine dell’autunno verrà anche affrontata la problematica delle recinzioni.

Per l’Area Tiro il responsabile informa che è in fase d’allestimento il nuovo pacchetto (numero 2) della PPPT e le conseguenti riservazioni dello stand di tiro del Ceneri. Ci sono però ancora circa 400 cacciatori che devono svolgere la prima prova periodica di tiro. Per questo e altri motivi si decide di soprassedere, per quest’anno, al Tiro Cantonale di Olivone, per lasciare maggior spazio ai ritardatari e ai numerosi candidati cacciatori che dovranno svolgere l’esame di tiro. In futuro si intende rivedere la modalità di organizzazione del Tiro Cantonale.

146 visualizzazioni