Cerca

Notiziario della Federazione X/ 2019


Riunione del Comitato centrale del 18.11.2019 di Patrick Dal Mas


Per l’Ufficio Presidenziale, in entrata di seduta, il Presidente saluta i membri di Comitato e ringrazia i presenti per il sostegno alle ultime votazioni federali, che gli hanno permesso la rielezione in Consiglio Nazionale. Purtroppo alcuni consiglieri nazionali cacciatori non sono più stati rieletti e attualmente saranno solo 6 che siederanno nelle camere federali ( metà rispetto alla scorsa legislatura). Il Presidente ricorda poi che alla fine della seduta di comitato, vi sarà la seconda riunione del Comitato allargato (con i Presidenti distrettuali), durante la quale verranno affrontate soprattutto le tematiche della messa in moratoria della pernice bianca, della sicurezza a caccia e della definizione in grandi linee degli indirizzi per il regolamento venatorio 2020. Per il tema “Pernice bianca” si ricorda che l’effetto sospensivo chiesto dalla FCTI nel ricorso al Tribunale federale è stato recentemente negato dallo stesso. Si attende ora la risposta definitiva sulla domanda di ricorso che riguarda la procedura scelta dal Consigliere di Stato Zali per arrivare alla decisione di moratoria, non conforme alla legge secondo la FCTI. Nel frattempo le associazioni ambientaliste hanno lanciato un’iniziativa legislativa per chiudere definitivamente la caccia alla pernice bianca. La raccolta delle firme necessarie è in corso e terminerà a gennaio. Si discutono gli scenari possibili per capire quali strategie attuare in futuro. Questo tema sarà dibattuto pure con i Presidenti distrettuali. Per quanto riguarda il tema della sicurezza a caccia, il Comitato ritiene inutili e controproducenti le nuove misure imposte dal DT, in particolar modo la reintroduzione dei 200 metri di distanza da abitati, campeggi, ecc., durante la caccia tardoautunnale e quella al cinghiale. Il primo effetto negativo si è già manifestato con una sensibile diminuzione delle patenti staccate quest’anno per queste due cacce. La FCTI ribadisce la propria disponibilità a discutere con le autorità competenti la questione della sicurezza in ambito venatorio, al fine di evitare decisioni inutili e controproducenti. Recentemente, tra l’altro, il Governo ha stanziato, a favore dei rimborsi ai danni all’agricoltura causati dalla selvaggina, un credito supplementare (oltre a quello già utilizzato attualmente, finanziato dai cacciatori) di Fr. 500'000.- per il 2020 e di Fr. 400'000.- per gli anni successivi. Il Presidente ricorda inoltre l’iniziativa lanciata a livello federale dalle associazioni ambientaliste contro la revisione della legge federale sulla caccia, votata recentemente dalle camere federali. CacciaSvizzera assumerà la conduzione della campagna contro l’iniziativa in questione, assumendosi una parte dei costi previsti. Si richiede però che anche i cacciatori sostengano finanziariamente questa campagna con dei contributi volontari. Il futuro della caccia in Svizzera dipenderà molto da questa votazione! Il Presidente comunica poi che la Società Pairolo si è resa gentilmente disponibile per l’organizzazione della prossima Assemblea Delegati (25esimo della FCTI!).


Per l’Area Comunicazione il responsabile informa che la rivista di dicembre è in fase di stampa. Per quanto riguarda il sito internet federativo si comunica che è stata implementata la pagina delle ricette di selvaggina e la gallery delle catture 2019. Le statistiche degli accessi al sito, da quando è stato rinnovato, sono estremamente positive e il responsabile ne riassume i dati principali. Viene inoltre segnalata l’apertura di un profilo Facebook (“La Caccia in Ticino”) gestito da un membro dell’Area Comunicazione in cui vengono presentate tematiche e spunti di riflessione a 360° inerenti la caccia in Ticino.


Per l’Area della Gestione Venatoria il responsabile sottopone al Comitato la presentazione contenente l’analisi dei dati delle catture 2019 e le proposte di massima degli indirizzi per il regolamento venatorio 2020. Il responsabile annuncia inoltre che, viste le forti nevicate e l’imminente apertura della caccia tardoautunnale, per motivi etici e di sicurezza, la FCTI ha deciso di inoltrare ai media cantonali un comunicato stampa in cui si contestano le decisioni dell’UCP di tenere aperta comunque questa caccia, a determinate condizioni, nelle alte valli del Ticino.


Per l’Area Tiro il responsabile informa che per il Tiro Cantonale 2020 lo stand di tiro di Olivone sarà agibile a determinate condizioni. Prossimamente, inoltre, avrà luogo la formazione dei Direttori di Tiro per le Prove periodiche di tiro per i cacciatori che vorranno staccare la patente entro il 31 agosto 2020. Viene riconfermata la persona di Renato Fiscalini in seno al Gruppo di lavoro Tiro Ticino. E’ stato inoltre confermata la possibilità di utilizzo dello stand di tiro del Ceneri per alcuni sabati per la prova periodica di tiro.



Riunione del Comitato Allargato del 18.11.2019

Il Presidente saluta e ringrazia i Presidenti Distrettuali presenti, ricordando brevemente i temi all’ordine del giorno.


1. Pernice Bianca

Viene ricordato ai presenti la cronologia degli avvenimenti che hanno portato alla decisione di ricorso al TF, seguita dall’iniziativa popolare lanciata dalle associazioni ambientaliste cantonali per chiudere definitivamente la caccia alla pernice bianca. Si discutono gli scenari e strategie possibili con i presenti.


2. Misure di sicurezza a caccia

Si commentano e discutono i tristi incidenti avvenuti a settembre, nonché le possibili proposte per migliorare la sicurezza in ambito venatorio di cui la FCTI potrebbe farsi promotrice, invece di dover subire misure inutili (come quella della reintroduzione dei 200 metri di distanza dai fabbricati abitati a caccia) o addirittura controproducenti da parte delle autorità.


3. Indirizzi gestione venatoria 2020

La FCTI presenta l’analisi dei dati delle catture di caccia alta (stagione 2019), e propone degli indirizzi di gestione venatoria per la stagione 2020, che i presenti accettano con l’apporto di alcuni correttivi. Le proposte in questione verranno completate con quelle provenienti dalle società e dai distretti, compatibili con la gestione venatoria corrente, e verranno poi votate dai rappresentati dell’Assemblea delegati. Saranno poi le autorità a decidere se considerare o meno questi indirizzi nella definizione del regolamento venatorio 2020.


4. Prova periodica di tiro e Tiro Cantonale

Entro il 15 dicembre le Società venatorie interessate dovranno riservare lo stand di tiro del Ceneri (documenti scaricabili sul sito FCTI) se prevedono di organizzare un tiro. Il Tiro Cantonale avrà luogo ancora ad Olivone dal 19 al 21 giugno. In primavera 2020 verranno organizzati i corsi per la formazione dei direttori di tiro necessari per la conduzione delle prove periodiche di tiro per i cacciatori.


5 Interventi habitat 2020

Si comunica ai Presidenti distrettuali che entro il 15 gennaio le società venatorie dovranno notificare i preventivi (attraverso i formulari scaricabili dal sito FCTI) degli interventi habitat previsti per il 2020.


6. Eventuali

Si comunica che è in corso a livello federale una raccolta di firme da parte delle Associazioni ambientaliste per il referendum contro la revisione della Legge Federale della Caccia, approvata recentemente dalle Camere Federali. CacciaSvizzera si è assunta il compito di gestire la campagna comunicativa contro questo referendum, accollandosi una parte delle spese. Fondamentale risulterà il contributo volontario da parte dei cacciatori svizzeri al fine di vincere l’eventuale votazione, decisiva per il futuro della caccia sul tutto il territorio elvetico.

120 visualizzazioni